Sul copyright si può costruire la nuova Europa