I “naufraghi del lavoro” trascinati da “Repubblica” nell’agorà politico